Ultime notizie
Home » NEWS INTER » L’Inter alla prova del nuovo manto sintetico

L’Inter alla prova del nuovo manto sintetico

Il primo a lanciare l’allarme sulle pessime condizioni del manto erboso del “Meazza” era stato Mourinho, da sempre maniacale su questi aspetti.

Poi, è stato il turno di Guardiola, al termine della partita del suo Barça a San Siro, dicendosi sorpreso che due squadre così importanti in Europa, come Inter e Milan, possano giocare su un campo così disastrato. E così, c’è stato anche un esposto ufficiale alla Uefa.

Così finalmente c’è stata la svolta epocale: le due società milanesi, assieme al Comune di Milano, hanno trovato l’accordo per la realizzazione del nuovo manto sintetico: una rivoluzione per il “Meazza”.

Questa decisione è arrivata dopo i vari e costosi tentativi per avere un manto erboso degno di un simile stadio, che da quando è stato costruito il terzo anello, ha sempre avuto problemi di scarsa ventilazione, che hanno inciso sulle condizioni del manto erboso.

Il prato sarà un mix di erba artificiale e naturale, in pratica una miscela di fondo artificiale ed erba vera attaccata alla base. I lavori di installazione inizieranno subito dopo il grande concerto di Madonna previsto per il 15 giugno e si concluderanno entro la fine di luglio.

Ad inaugurarlo doveva essere il Milan con il Trofeo Berlusconi, ma ora molto probabilmente sarà l’Inter, impegnata nel turno preliminare di Europa League, il 2 o il 9 agosto. Quindi, il primo impegno ufficiale della stagione nerazzurra coinciderà anche con il primo test ufficiale per il nuovissimo manto erboso.

di Bernardo Noto


Articolo letto 1.957 volte.

Leggi anche

moratti

Moratti a FcIN: “EL obiettivo possibile. Su Yaya Tourè…”

Follow La vittoria ottenuta ieri sera sul difficile campo della Lazio ha, in parte, depennato il ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


+ 4 = sette

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>