Ultime notizie
Home » NEWS INTER » L’Inter alla prova del nuovo manto sintetico

L’Inter alla prova del nuovo manto sintetico

Il primo a lanciare l’allarme sulle pessime condizioni del manto erboso del “Meazza” era stato Mourinho, da sempre maniacale su questi aspetti.

Poi, è stato il turno di Guardiola, al termine della partita del suo Barça a San Siro, dicendosi sorpreso che due squadre così importanti in Europa, come Inter e Milan, possano giocare su un campo così disastrato. E così, c’è stato anche un esposto ufficiale alla Uefa.

Così finalmente c’è stata la svolta epocale: le due società milanesi, assieme al Comune di Milano, hanno trovato l’accordo per la realizzazione del nuovo manto sintetico: una rivoluzione per il “Meazza”.

Questa decisione è arrivata dopo i vari e costosi tentativi per avere un manto erboso degno di un simile stadio, che da quando è stato costruito il terzo anello, ha sempre avuto problemi di scarsa ventilazione, che hanno inciso sulle condizioni del manto erboso.

Il prato sarà un mix di erba artificiale e naturale, in pratica una miscela di fondo artificiale ed erba vera attaccata alla base. I lavori di installazione inizieranno subito dopo il grande concerto di Madonna previsto per il 15 giugno e si concluderanno entro la fine di luglio.

Ad inaugurarlo doveva essere il Milan con il Trofeo Berlusconi, ma ora molto probabilmente sarà l’Inter, impegnata nel turno preliminare di Europa League, il 2 o il 9 agosto. Quindi, il primo impegno ufficiale della stagione nerazzurra coinciderà anche con il primo test ufficiale per il nuovissimo manto erboso.

di Bernardo Noto


Articolo letto 2.063 volte.

Leggi anche

Giannelli Imbula (OM)

Calciomercato Inter: occhi su Eder e Imbula

Follow In attesa di sviluppi concreti della questione Sampdoria-Europa League, l’Inter si muove sul mercato ...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


nove × = 54

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>